Il palazzo Adria è il simbolo della rilevanza marittima di Rijeka. La sua costruzione, stando alle ambizioni dei rappresentanti dell’Associazione dei battelli a vapore Adria, avrebbe dovuto produrre l’edificio “più bello e ricco di Rijeka”. Il progetto architettonico fu realizzato da Franjo Matiasić e nel 1895 questo enorme edificio vide finalmente la luce. 

 

Il Palazzo presenta due facciate, entrambe ispirate all’architettura rinascimentale. Mentre una è rivolta verso il porto, l’altra dà sulla direzione opposta, verso il Jadranski trg. La monumentalità dell’edificio è accentuata dai portali barocchi, arricchiti da colonne in pietra sovrastate da sculture. Le sculture rivolte verso il mare, che rappresentano allegorie legate al mondo della navigazione, raffigurano comandanti, timonieri, macchinisti, ecc. Quelle rivolte verso la piazza, invece, raffigurano allegorie legate ai continenti con i quali la compagnia era collegata da linee marittime: l’immagine della donna giapponese rappresenta l’Asia, la donna indiana rappresenta l’America, la donna egiziana l’Africa e la donna islandese l’Europa.