La villa della famiglia Ružić, situata nell’area di Pećine, fu eretta nel 1938 da Viktor Ružić il quale aveva ricoperto, sotto il Regno di Jugoslavia, la carica di governatore del Banato della Sava. Grazie al suo matrimonio con Nada Brlić, figlia della scrittrice croata Ivana Brlić Mažuranić, in famiglia entrò anche il cognome Brlić. Con l’ingresso in famiglia del bano e scrittore croato Ivan Mažuranić, ai Ružić si unì anche il nome dei Mažuranić. Questi complessi intrecci di parentela hanno lasciato oggi nella villa una biblioteca, nonché una collezione di mobili e oggetti d’arte. 

 

L’elemento più importante della collezione è costituito dalla biblioteca e dall’archivio di Ivan Mažuranić, dove è conservato il manoscritto del poema epico Osman di Gundulić del 1647, donato da Petar Petrović Njegoš. La biblioteca conta 8.000 libri, mentre nell’ambito dell’archivio sono presenti 2.000 volumi. Dal 1947 la biblioteca gode dello status di patrimonio monumentale. Simbolo della collezione è l’anello di Smail-aga Čengić, protagonista dell’omonimo poema epico di Mažuranić. 

 

Visite previa prenotazione al +385 91 512 7254