Jelenje si trova a soli 15 chilometri di distanza da Rijeka. Si tratta di una zona carsica a circa 300 m s.l.m., grazie alla quale presenta un clima mediterraneo-continentale. La popolazione locale parla la čakavština (ciacavo) di Grobnik, che dal 2011 fa parte del patrimonio culturale e immateriale protetto della Repubblica di Croazia.

La parrocchia di San Michele (Sv. Mihovil) è la struttura di importanza storico-culturale più antica e più grande del comune di Jelenje. Della tradizione ricca e ben custodita, che vi farà viaggiare per Jelenje in modo facile e piacevole, vorremmo mettere in evidenza le mlikarice (mljekarice) - quelle donne che nel corso della storia trasportavano ogni giorno il latte per venderlo a Rijeka. Una manifestazione particolare, Feral ki je pušćal sinjal, che si tiene in maggio, è dedicata proprio a loro.

A Martinovo Selo è ancora in funzione il mulino di Gašpar, costruito 350 anni fa e unico in tutta la regione Litoraneo-montana (Primorsko-goranska). Da più di 70 anni a Dražice esiste una bottega del fabbro, l’unica che si sia mantenuta nella sua forma originale. Oggi fa parte integrante dell’offerta turistica di Jelenje. È interessante che il primo proprietario, Antonio Marčelja, aveva un diploma da fabbro ottenuto grazie agli studi a Vienna nel periodo 1913-1918. È interessante viaggiare nel passato grazie alla storia e a testimonianze su antichi mestieri...